CAGNONI IPOCRITI f.c.

SEMPRE E SOLO CANI FOREVER!
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Piccole e semplici ricette per combattere la crisi

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Catti

avatar

Numero di messaggi : 1670
Data d'iscrizione : 03.10.07

MessaggioTitolo: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Ven Nov 01 2013, 18:23

Ovviamente qui si parla della crisi dei Cani, non di quella mondiale per cui non ho nessuna ricetta intelligente da fornire (altrimenti non sarei qui)
Perché ormai penso che siamo tutti d'accordo nel definirla crisi questa partenza falsa dei Cagnoni. Non è la prima e non sarà l'ultima, in passato ne abbiamo superato anche delle peggiori e abbiamo la possibilità di farcela anche stavolta. Però bisogna incominciare a cambiare qualcosa
Inutile parlare di tattica, i Cagnoni sono completamente refrattari a discorsi di questo tipo. Meglio parlare di rimedi più semplici e attuabili, cose che in passato siamo stati in grado di fare per cui lo siamo ancora.
Dalla discussione post match in piena camola di ieri sera sono emerse alcune problematiche a cui bisogna far fronte fin dalla prossima osticissima partita.
Cerco di fare un sunto aggiungendo qualcosa a cui ho pensato oggi.
1) Aiutarsi e parlarsi di più in campo; quando uno ha la palla, soprattutto nella nostra metà campo, spesso viene subito pressato dagli avversari e abbandonato dai compagni che scappano per paura di ricevere palla. Questa cosa deve cambiare, cerchiamo di proporci per permettere al compagno con la palla di avere soluzioni facili. E poi in campo tutti, Pero in primis, dobbiamo parlare di più, chiamarci l'uomo e dettare il passaggio quando siamo in posizione favorevole. Siamo la squadra più muta della lega!
2) Più grinta nei contrasti! Gli altri sono più cattivi di noi anche quando stanno sopra di 4-5 gol (vedi ultimo match)! Non voglio dire che dobbiamo fare dei fallacci ma metterci più cattiveria, il fisico nei contrasti...e se serve spendiamo qualche fallo. Gli altri, Biso ne sa qualcosa, non lasciano tappeti rossi e autostrade deserte verso la loro porta!
3) Giocare con più testa! Può voler dire tutto e niente per cui tento di spiegarvi cosa intendo. Vedo gente svagata sia in campo che fuori, gente in panca che deve essere richiamata perché non si accorge che il compagno gli sta chiamando disperatamente il cambio...essere più presenti con la testa. Guardare di più anche i movimenti dei compagni e non seguire solo la palla, non siamo i pulcini del San Lazzaro. La generosità è ben accetta ma non si può vedere gente che corre da destra a sinistra facendo saltare tutte le posizioni, non abbiamo abbastanza elasticità per giocare disordinati
4) Marcare a U-O-M-O!!! Basta vedere gente che marca a zona, non siamo capaci ma ogni anno facciamo diverse partite a marcare così prendendo 40 gol in 5 partite (8 a partita!). Se all'inizio dell'azione avversaria sto marcando uno sulla mia fascia di competenza lo devo seguire anche al cesso a meno che un mio compagno (preferibilmente il centrale che ha il polso della situazione) mi chieda di scalare perché se ne occupa lui. Questo modo di difendere vale per tutti, punta compresa. Per cui se il mio avversario taglia da sx a dx e io lo seguo e su quella fascia si inserisce il loro ultimo toccherà giustamente al Biso o comunque a chi sta facendo la punta seguirlo. Se lo molla 9 volte su 10 prenderemo gol!
E sui calci d'angolo dobbiamo stare più vicini agli avversari da subito e usare le mani per trattenere senza esagerare, gli altri lo fanno sempre. Se non abbassiamo la media dei gol subiti intorno al 6-6,5 a partita non ci salva neanche Gesu Cristo in croce!
5) Rispettare, almeno all'inizio dell'azione avversaria, lo schema iniziale. Se siamo a rombo ci si dispone subito con l'ultimo staccato dietro, i laterali in linea almeno ad altezza metà campo e la punta più avanzata. Se vediamo che è il caso tentiamo di fare del pressing alto, non ci proviamo più da anni ma è un sistema per impedire azioni facili agli avversari e se si recupera palla così alti aumentano anche le possibilità di fare gol. Però il pressing va valutato di partita in partita e a seconda del punteggio perché ovviamente ci espone a rischi
6) Correre subito all'indietro appena si è persa palla! Guardando da fuori notavo che, al di là della nostra proverbiale lentezza che ci impedisce di recuperare su avversari più veloci (ma qui non ci si può fare niente) spesso partiamo anche tardi. Un pò secondo me per indolenza perché vedo che c'è gente che in avanti corre molto più spesso e velocemente che verso la nostra porta. Questo è un atteggiamento da cambiare perché molto pericoloso.
7) Per evitare imbarcate bisognerebbe cercare di essere almeno sempre in 2 dietro la linea della palla quando ce l'abbiamo noi e in 3 quando ce l'hanno loro. Questo vuol dire osservare bene i movimenti di tutti i compagni e sacrificarsi se un compagno è rimasto attardato. Dobbiamo essere più coesi
8 ) Incitarsi, crederci di più, cambiare atteggiamento! Se partiamo come agnelli sacrificali troveremo sempre un lupo che ci sbrana, anche se ha solo 2 denti in bocca

Non mi viene nient'altro, già così sfiora il decalogo...mi piacerebbe che tutti ma proprio tutti diceste la vostra. Se ho scritto cazzate perdonatemi, se ho ragione o se c'è qualcosa da aggiungere voglio saperlo da voi
Io in questa squadra ci credo, mi diverto ancora a giocare con voi.
Ho fatto di tutto per tornare, sono stato fermo 2 anni, ho sofferto venendovi a vedere perché avrei voluto essere in campo con voi, il ruolo di spettatore mi stava molto stretto per cui non mi sono arreso e anche se è stata dura ho mantenuto viva la speranza. Ora che ce l'ho fatta di certo non mollo un cazzo! COME ON DOGS!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Mario86

avatar

Numero di messaggi : 56
Età : 32
Localizzazione : Piacenza
Data d'iscrizione : 17.02.12

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Sab Nov 02 2013, 10:33

Come direbbe Perazzi x ricetta mi aspettavo un delizioso gourmet e invece...

scherzi a parte, concordo con tutto  ciò che hai detto.

io penso che bisognerebbe far di necessità virtù e usare i punti deboli x rafforzarci. Esempio. Siamo lenti. A parte cri e biso nessuno punta l uomo. É stato incredibile l altra sera vedere il biso tenere palla fronte alla porta e gli avversari ke lo lasciavano stare...e noi fermi. il problema secondario poi é il giocare sempre con lancio lungo.come detto nn siamo fulmini. Il biso prende palla. Con comodo arriviamo.  E se nn succede come il punto precedente ....Se perdiam palla é sempre 3vs1 e quasi sempre fan gol..se siamo lenti allora io direi piuttosto giochiamo con 2-2 cosi il lancio lungo del biso ha gia vicino qlkn che puo duettare cn lui e fare in modo che se serve si aggiunge un dif ma nn restiamo subito scoperti partendo tutti davanti. Se siamo lenti..usiamolo come punto d forza x far qlks d ragionato

ho sempre detto poi che c e anke un problema di atteggiamento....del tipo arrivare tardi, non arrivare proprio, arrivare scazzati...arrivare dicendo tanto stasera perdiamo..queste sn tutte cose che rovinano solo l intesa di una squadra...invece d essere una squadra unita...dobbiam essere uniti e incazzati...giocare su ogni pallone con grinta e nn con paura di sbagliare (io per primo)...

a livello di squadra siete e siamo un bel gruppo..manca x me solo l atteggiamento giusto...xke anke certe cappelle ke facciamo sn distrazioni...errori dovuti a nn aver letto bene l azione proprio xke magari scazzati...
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
biso

avatar

Numero di messaggi : 283
Data d'iscrizione : 08.09.10

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Sab Nov 02 2013, 14:09

io sono d'accordo soprattutto sul discorso di atteggiamento/voglia di giocare per vincere...poi le situazioni tattiche tipo rombo/quadrato, stare due dietro la palla eccetera eccetera sono sacrosante ma so già che difficilmente riusciremo ad attuarle anche perchè restare lucidi in campo spesso non è facile...
come ho già ripetuto 100 volte, si gioca per divertirsi, per andare a mangiare dopo e per dire delle cazzate, ciò non esclude che si può anche cercare di crederci un po' di più nei 50 minuti di partita...non è un reato prenderla su un po' più "seriamente", senza esagerare o avere comportamenti da calciatori di serie A...per provare a vincere o almeno dare tutto...secondo me non è da sfigati...poi dopo la doccia 4 formaggi, birre & cazzate a go go ovviamente!!!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Catti

avatar

Numero di messaggi : 1670
Data d'iscrizione : 03.10.07

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Sab Nov 02 2013, 20:38

biso ha scritto:
io sono d'accordo soprattutto sul discorso di atteggiamento/voglia di giocare per vincere...poi le situazioni tattiche tipo rombo/quadrato, stare due dietro la palla eccetera eccetera sono sacrosante ma so già che difficilmente riusciremo ad attuarle anche perchè restare lucidi in campo spesso non è facile...
come ho già ripetuto 100 volte, si gioca per divertirsi, per andare a mangiare dopo e per dire delle cazzate, ciò non esclude che si può anche cercare di crederci un po' di più nei 50 minuti di partita...non è un reato prenderla su un po' più "seriamente", senza esagerare o avere comportamenti da calciatori di serie A...per provare a vincere o almeno dare tutto...secondo me non è da sfigati...poi dopo la doccia 4 formaggi, birre & cazzate a go go ovviamente!!!
Sono d'accordo con tutto il resto tranne con la parte in grassetto. E' vero che non è facile ma dobbiamo e possiamo cercare di rimanere più lucidi in campo. Anche perché di certo viste le nostre qualità atletiche e l'età media non bassa di certo non possiamo più vincere le partite solo con la foga e il dinamismo. Siamo una squadra esperta, sia come età media che come anni passati sui campi di calcetto, eppure in campo spesso non si vede. Però se non miglioriamo sotto quell'aspetto ogni anno diventerà più dura, facciamo correre più la palla e cerchiamo di stare concentrati per capire le varie situazioni che il match ci pone di fronte. Possiamo farcela perchè è nelle nostre corde, tra di noi c'è tanta gente che capisce di calcetto, dobbiamo solo stare più rilassati in campo
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Pero

avatar

Numero di messaggi : 1717
Età : 36
Localizzazione : Forse volevi dire Loccalizzazione?
Data d'iscrizione : 03.10.07

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Mar Nov 05 2013, 11:53

Volevo dire ank'io la mia ma vedo ke per gran parte coincide con l'opinione del Catti (la parte ke non coincide riguarda i pochi tatticismi esposti ma solo perchè non li comprendo... Shocked )...
Quindi eviterò di dilungarmi ed essere dispersivo e quoto in todos l'opinione del Catti...
Ai miei compari chiedo solo di essere un pò più protetto... Magari si potrebbe usare anke un pò più di malizia... A volte può bastare anke una leggera spintarella ad un avversario per fargli perdere la concentrazione o sbilanciarlo al momento del tiro...
Per il resto posso fare solo un esame di coscienza e tra i pochi (per dire) miei difetti credo ke il primo da limitare sia la questione mentale... Cercherò di restare + concentrato x tutto il match e di essere + coraggioso (scrollandomi di dosso la famigerata paura di sbagliare... Che quando ho paura di sbagliare va a finire che automaticamente sbaglio)... Non solo negli interventi fisici ma anke in quelli orali (cercherò di parlare di più...)...
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Catti

avatar

Numero di messaggi : 1670
Data d'iscrizione : 03.10.07

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Mer Nov 06 2013, 08:09

Pero ha scritto:
Volevo dire ank'io la mia ma vedo ke per gran parte coincide con l'opinione del Catti (la parte ke non coincide riguarda i pochi tatticismi esposti ma solo perchè non li comprendo... Shocked )...
Quindi eviterò di dilungarmi ed essere dispersivo e quoto in todos l'opinione del Catti...
Ai miei compari chiedo solo di essere un pò più protetto... Magari si potrebbe usare anke un pò più di malizia... A volte può bastare anke una leggera spintarella ad un avversario per fargli perdere la concentrazione o sbilanciarlo al momento del tiro...
Per il resto posso fare solo un esame di coscienza e tra i pochi (per dire) miei difetti credo ke il primo da limitare sia la questione mentale... Cercherò di restare + concentrato x tutto il match e di essere + coraggioso (scrollandomi di dosso la famigerata paura di sbagliare... Che quando ho paura di sbagliare va a finire che automaticamente sbaglio)... Non solo negli interventi fisici ma anke in quelli orali (cercherò di parlare di più...)...
Quoto in pieno, soprattutto la parte in grassetto. Un pò di malizia non guasterebbe, quando non ci si arriva più bisogna arrangiarsi col mestiere. Ce lo si dice spesso tra di noi ma è ora di incominciare anche a farlo
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
youridj

avatar

Numero di messaggi : 714
Età : 38
Localizzazione : Cuccia
Data d'iscrizione : 03.10.07

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Gio Nov 07 2013, 11:21

Nulla da aggiungere a ciò che avete detto anche perchè non saprei che dire se non:
1. poche seghe mentali e giochiamo semplice
2. aiutiamoci e parliamo in campo, senza fare gli allenatori, cosa che un po', purtroppo, nel tempo siamo diventati
3. prima del match decidiamo più o meno le sostituzioni (senza limiti di tempo ma giusto da sapere chi si deve chiamare fuori senza fare casino)
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.interfans.org
Arper
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 843
Età : 40
Localizzazione : cane da campo
Data d'iscrizione : 02.10.07

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Gio Nov 07 2013, 18:46

Vorrei rispondere con più dedizione alla causa...ma non riesco per ora.

Concordo alla grande con il Boksic..la questione deve essere prima di tutto semplice...ma il solo migliorare di grinta e di approccio lo si può ritenere un grande passo verso l'idillio...poi tutte le cose dovrebbero venire di conseguenza...

Io aggiungerei una cosa incredibile..esultare tutti insieme ad ogni gol importante o determinate...abbracciare il fenomeno che ha fatto gol!..questo aiuta di sicuro a volerci bene ma aiuta soprattutto lo spirito comune di intenti!...chiaramente non esultiamo sul gol nostro in caso di un 8-3 avversario...nostro punteggio classico ultimamente...per dire...

_________________
CANI E' BELLO!..CANI SI NASCE NON SI DIVENTA....
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://cagnoni.forumattivo.com
Catti

avatar

Numero di messaggi : 1670
Data d'iscrizione : 03.10.07

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Ven Nov 08 2013, 07:28

Arper ha scritto:

Io aggiungerei una cosa incredibile..esultare tutti insieme ad ogni gol importante o determinate...abbracciare il fenomeno che ha fatto gol!..questo aiuta di sicuro a volerci bene ma aiuta soprattutto lo spirito comune di intenti!...chiaramente non esultiamo sul gol nostro in caso di un 8-3 avversario...nostro punteggio classico ultimamente...per dire...
Concordo in pieno
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
biso

avatar

Numero di messaggi : 283
Data d'iscrizione : 08.09.10

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Ven Nov 08 2013, 15:19

ieri sera abbiamo giocato con tutt'altro atteggiamento rispetto agli altri match...e si è visto...adesso facciamo punti!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
biso

avatar

Numero di messaggi : 283
Data d'iscrizione : 08.09.10

MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   Mar Nov 19 2013, 18:14

TUTTOUISPPC.COM: Cagnoni, tesserato un portiere
Dopo la pioggia di gol incassati nei primi sette turni di campionato la dirigenza dei Cagnoni Ipocriti, storica compagine militante nei Senores girone D, ha deciso di mettere mano al portafoglio e ha tesserato il forte portiere classe '88 Davide Rizzotti che aveva da poco risolto il contratto con la squadra di calcio a 7 della Pizzeria Caravelle. Per il "Rizzo" si tratta di un ritorno in maglia biancorossa dopo la fortunata parentesi della stagione 2011-12.
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Piccole e semplici ricette per combattere la crisi   

Tornare in alto Andare in basso
 
Piccole e semplici ricette per combattere la crisi
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
CAGNONI IPOCRITI f.c. :: cagnoni ipocriti :: i cagnoni ipocriti-
Andare verso: